La classificazione delle acque

Con l’entrata in vigore del Decreto Legislativo 30 maggio 2008, n. 116 “Attuazione della direttiva 2006/7/CE relativa alla gestione della qualità delle acque di balneazione e abrogazione della direttiva 76/160/CEE”, le acque di balneazione vengono classificate secondo una valutazione qualitativa, basata sui risultati dell’attività di monitoraggio svolta dal Dipartimento di Prevenzione Medico dell’ASL della provincia di Bergamo.

La classificazione delle acque di balneazione, viene aggiornata al termine di ogni stagione balneare, elaborando gli esiti analitici delle ultime quattro stagioni balneari.

La classificazione fondata su calcoli statistici in percentile (95° o 90°) prevede quattro classi di qualità delle acque di balneazione:

 La classificazione fondata su calcoli statistici in percentile (95° o 90°) prevede quattro classi di qualità delle acque di balneazione: eccellente, buona, sufficiente e scarsa
 
                 
      
 
PARAMETRI MICROBIOLOGICI RICERCATI
 
Per la valutazione e l'attribuzione dello stato di qualità delle acque di balneazione la normativa stabilisce l'utilizzo di due indicatori microbiologici: Escherichia coli e Enterococchi intestinali
 
Escherichia coli ed Enterococchi intestinali, i parametri microbiologici ricercati per la valutazione e l'attribuzione dello stato di qualità delle acque di balneazione
 
I suddetti parametri microbiologici rappresentano la migliore corrispondenza possibile tra inquinamento di origine fecale e ripercussioni per la salute nelle acque destinate a scopi ricreativi.
 

Valutazione e classificazione delle acque interne

 

 

VALORE LIMITE

Al fine di garantire un adeguto livello di tutela della salute dei bagnanti per le acque classificate ad inizio stagione balneabili (eccellente, buona o sufficiente), il Decreto Ministeriale 30 marzo 2010, stabilisce a livello analitico un "Valore Limite", il cui superamento impone  l'obbligo di immediata adozione del provvedimento di divieto temporane di balneazione.

 Valori per un singolo campione